0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Alex Hibbert I Circolo Polare Artico

27/02/2019

Alex Hibbert parte per la sua seconda spedizione a Svalbard. Qualche settimana fa, Luminox ha partecipato al suo primo tentativo di record mondiale sul famoso Circolo Polare Artico in Groenlandia, un percorso impegnativo di 165 km tra la comunità costiera degli Inuit di Sisimiut e Kangerlussuaq. Ecco un breve riassunto del suo tempo in Groenlandia:
 
 
Alex, che tipo di ostacoli hai affrontato in Groenlandia?

C'erano stati enormi cumuli di neve, soprattutto sulla costa, nelle settimane precedenti al mio arrivo. Queste perturbazioni avrebbe rallentato il mio ritmo fino a un quinto di quello che avevo previsto per finire in tempo. Sebbene avessi ricevuto questi rapporti e visto fotografie di cumuli di neve di due metri a Sisimiut, la mia meta, ho visto l'Artico cambiare così velocemente in passato che ho pensato valesse lo stesso la pena. Poiché avevo una slitta veloce, leggera e con il naso basso, avevo bisogno di muovermi lungo un sentiero - come quello che i cacciatori locali Inuit aprono ogni inverno sulle slitte trainate dai cani per accedere alle centinaia di miglia quadrate di laghi e pianure. Funzionava come uno spazzaneve nella neve profonda.

Quindi, mentre le condizioni erano sicure per gli standard di viaggio artico da solista, era una questione di tempismo. Avrei potuto passare due settimane o più aprendo l'intera pista di 165 km con i miei sci e la mia slitta, ma questo avrebbe ridicolizzato il tentativo di record di velocità e mi avrebbe fatto perdere gli impegni nel Regno Unito. Inoltre, la mia slitta non aveva la capienza di rifornimenti per due settimane.

Perché non sciare su una pista da sci? Non minimizzerebbe il tuo rischio?
In effetti il ​​record mondiale per 24 ore su una pista da sci è di oltre 260 miglia, che ci crediate o meno, ma non è proprio il mio stile né il modo in cui viaggio. Non è nemmeno quello che mi interessa. Quindi, sono interessato a viaggiare in condizioni polari artiche vergini e naturali.

Quante attrezzature hai portato con te?
Sono stato preparato per il ritmo, quindi avevo una pista da slittino a basso profilo e sci lunghi e stretti. Questi erano fondamentali per il mio ritmo previsto e, a parte questo, è stato tutto in funzione di alleggerire il mio carico. Ho preso solo i vestiti di scorta , un minuscolo kit di riparazione, un fornello, razioni giornaliere, boccette di acqua calda, il mio Luminox ICE-SAR 1003, nessuna tenda (solo un sacco a pelo, bivacco e pala), e qualche illuminazione/macchina fotografica/equipaggiamento di sicurezza. Oh, e molte batterie per la mia torcia frontale! Il totale pesava meno di 25 kg.

Qual è la funzione più impiegata quando utilizzi all'esterno il tuo ICE-SAR 1003?
Probabilmente questo sarebbe tra l'ovvio punto a favore dell'illuminazione a tempo pieno, non avendo bisogno di un'esposizione precedente alla luce del giorno per "caricare" i tubi luminosi, e forse qualcosa di meno ovvio. La faccia è in vetro zaffiro - estremamente resistente ai graffi e in grado di deviare tutto ciò che ho trascinato nell'Artico, da formazioni ghiacciate simili a rasoi a maneggevoli attrezzi da spedizione taglienti e abrasivi.

Quanto allenamento ci vuole per prepararsi a una simile spedizione?
L'allenamento per una normale spedizione di più settimane, o anche di più mesi, di solito si basa sull'arrivare alla linea di partenza forti, robusti e senza fastidiose lesioni da allenamento. Si tratta di sostenibilità: dare al tuo corpo la possibilità di sopravvivere a una punizione apparentemente infinita di un giorno nella bardatura. Per spedizioni molto brevi e veloci, la maggior parte di queste indicazioni è ancora valida. È necessario essere robusti e sentirsi freschi, ma è più probabile che un corpo adeguatamente addestrato diventi performante. La mia corsa e il ciclo di allenamento sono più alti e con più intervalli di sprint. Questo è più un lavoro da "classico atleta", e meno come una spedizione a lunga distanza che è più come prepararsi per un assedio!

Possiamo seguirti durante la tua prossima spedizione a Svalbard?
La risposta è sicuramente sì - questo è il divertimento.

Farò in modo che mentre procedo, ogni quindici minuti circa, la mia posizione verrà trasmessa dal vivo su un sito Web e tu sarai in grado di vedere esattamente dove mi trovo. Ciò significa anche che sarò in grado di valutare se sto andando veloce o lento in diverse sezioni e quindi posso elaborare personalmente i miei progressi e far vedere ai ragazzi come sto andando avanti.

Grazie Alex - e buona fortuna per la tua seconda spedizione a Svalbard!
 
​​​​​​​
Vuoi sapere di più su Alex e le sue spedizioni? Segui Alex e noi sui social media e unisciti alle sue gare contro il tempo.

Incontra Alex sui social media:

https://twitter.com/alexhibbert
https://www.instagram.com/alexhibbert/

Incontraci sui social media:

https://www.facebook.com/luminoxitalia/
https://www.instagram.com/luminox_italia/